mercoledì 2 maggio 2012

Crumble alle mele e cannella

Ci sono mille modi per dichiarare un amore, e sono tutti leciti.

C'è chi lo fa secondo tradizione, occhi negli occhi e mani nelle mani, e si dice che non sia niente male. 
Chi ti riempie di fiori l'ufficio, lasciandoti comunque un vuoto da colmare.
Chi manda un messaggio con WhatsApp, e probabilmente ha meno di vent'anni e una buona connessione wi-fi.

Io invece ho cucinato delle mele.
Non propriamente in una torta, che pure è il doce più buono del mondo, ma in qualcosa di  meno convenzionale, per renderle più simili a tutto quello che mi sta vicino al cuore. 

Un crumble è un'alchimia complessa, eppure lapalissiana.
Sono sapori che si fondono, ma si rispettano.
È un equilibrio precario, eppure solido. 
È una promessa che, nonostante tutto, irragionevolmente, si rinnova.


800 gr mele
4 cucchiai Calvados
1 limone biologico
100 gr farina di farro
100 gr burro + un pezzetto per imburrare le cocotte
130 gr zucchero di canna
50 gr farina di mandorle
2 cucchiaini di cannella 
1 pizzico di sale

Sbucciare le mele e tagliarle a fette, tuffarle nel Calvados e aggiungere la scorza grattugiata del limone.
Mescolare le farine con lo zucchero, il burro e il sale.
Imburrare le cocotte, distribuirvi sopra le fette di mela, coprire col crumble alla cannella e infornare a 180° per 30 minuti circa.
Mangiare così come viene, irragionevolmente.

1 commento:

Stefania Orlando ha detto...

Mi piace moltissimo la tua definizione del crumble.
E, casualmente, ne ho fatto uno ieri pure io, ma con frutta diversa :-)