venerdì 20 settembre 2013

Delizie di mele

Mi piace scrivere.
Non so se è la cosa che mi riesce meglio, in generale, ma di sicuro mi piace.
A volte penso che dovrei dedicarmi alle antiche discipline orientali, allenarmi per la maratona o semplicemente riempire il frigorifero di pasticcini.
Poi ogni altro pensiero si scontorna, diventa evanescente, e piano piano sparisce.

Non ho mai capito in che cosa consista esattamente l'ispirazione, se così si può chiamare, né se funzioni per tutti allo stesso modo. 
Per me è un richiamo sottile, quasi un prurito.
Posso ignorarne la voce per giorni, settimane anche, far finta di non sentirla nemmeno.

Poi ogni volta, lo stesso copione.
Ancora in piedi accendo il pc, scostando dal viso la ciocca che da trentatré anni staziona indomita sulla mia fronte.
Faccio la vaga, mi collego al social più social che c'è.
Finisco per sentirmi un po' social anch'io.

Mi arrendo. 
Word.
File. 
Apri nuovo documento vuoto.
Cedo alle parole.

Mi abbandono alla scelta, mi faccio possedere.
È un amore sempre nuovo.
Un piacere ingenuo e perverso, infantile e raffinatissimo.
E mi sento felice.


Da una ricetta di Luca Montersino

Per la sablée Breton:
55 gr tuorlo
130 gr zucchero
160 gr burro
4 gr sale
225 gr farina
15 gr lievito
4 gr cannella in polvere

Per il clafoutis:
90 gr uova
3o gr tuorlo
65 gr zucchero
40 gr farina
10 gr rum
100 gr latte
100 gr panna
15 gr burro
50 gr uva sultanina

Per la composta di mele:
500 gr mele pink lady
50 gr miele di acacia
50 gr zucchero
15 gr agar agar
80 gr burro

Per finire:
cannella in polvere
gelatina neutra a freddo

Per la sablée Breton: montare in planetaria il burro con lo zucchero e unire a filo i tuorli. Sostituire la foglia alla frusta e unire le polveri mescolate insieme. Fare freddare in frigorifero per un paio d'ore.

Per il clafoutis: mescolare le uova e i tuorli con lo zucchero e la farina fino ad ottenere un composto liscio. Aggiungere il latte, la panna, poi il burro fuso e il rum. Versare il composto in una brocca o in un chinois a pistone.

Per la composta di mele: sbucciare le mele e tagliarle a pezzetti, miscelarle con gli altri ingredienti e riporle in un contenitore di vetro. Sigillare bene con pellicola resistente al calore e cuocere per venti minuti al microonde, così da creare un sottovuoto. Una volta cotte le mele, frullarle con un mixer e fare riposare la composta in frigorifero.

Stendere su un piano la pasta sablée e coppare dei dischetti con cui rivestire i fondi di uno stampo da tartellette in silicone. Bucare i dischetti con i rebbi di una forchetta e cuocere a 180°C per quattro minuti.
Fare ammorbidire l'uva sultanina in acqua calda e poi scolarla. Riporre qualche chicco di uva su ogni dischetto, poi riempire gli stampi con il composto per clafoutis fino a 3/4 di altezza e infornare a 140°C per un quarto d'ora. Una volta cotti, passare subito in abbattitore o in freezer.
Aggiungere la composta di mele fino a riempire lo stampino e riporre di nuovo in freezer. Lucidare con gelatina neutra a freddo, quindi terminare con una quenelle di composta di mele, una spolverata di cannella in polvere e decorare con buccia di mela tagliata sottilmente.

10 commenti:

Viviana ha detto...

Questi dolcini mignon sono così affascinanti che stregano: mi fanno stare col naso incollato al monitor....
Complimenti Alessandra, sei veramente ma veramente un'artista!!!

Alessandra ha detto...

Grazie Vivi, troppo gentile.
Erano anche parecchio buoni, lo giuro!

manoela ha detto...

sono bellissime, brava!!!!

Alessandra ha detto...

Manoela... sono contenta che ti piacciano, grazie!

Tiziana Pitichella ha detto...

Ciao mi chiamo Tiziana trovo questo tuo blog molto interessante ed ricco di consigli utili in cucina e al tempo stesso molto simpatico. Da oggi tua follower +g. Mi farebbe piacere se anche tu passassi da me per diventare mia lettrice fissa e regalarmi qualche consiglio per questa mia nuova avventura nel web. Ciao http://lacucinadipitichella.blogspot.it

Alessandra ha detto...

Ciao Tiziana, grazie dei complimenti e benvenuta a casa mia. Faccio senz'altro un salto dalle tue parti. Un grosso in bocca al lupo per questa nuova avventura!

Aria ha detto...

anche io adoro scrivere. piacere di conoscerti e seguirti. ah, dimenticavo, anche io nonc redo a chi dice di non avere tempo!!!

Alessandra ha detto...

Ciao Aria, benvenuta a casa. Lasciamoli stare quelli che non hanno tempo... sono così noiosi!

Giuliana ha detto...

wow, presentazione elegantissima per questo bellissimo dessert! Copierò spudoratamente, spero presto..

Alessandra ha detto...

Presto, prestissimo... non vedo l'ora!
Buona giornata Giuli