lunedì 8 ottobre 2012

Marmellata di ribes nero

C'era un tempo, nella mia vita, in cui avevo granitiche certezze.
Il bianco e il nero.
Il rosso, a volte.
Ma il grigio mai.

C'era un tempo in cui il passato e il futuro erano zone franche, dove pensavo che tutto il bene possibile si fosse già realizzato o si sarebbe materializzato a breve.
C'erano luoghi da evocare e posti da immaginare.
C'era qualcuno a proteggermi le spalle, perché andare più lontano sembrasse senza paura, e qualcun altro a coprire di luce lo spazio di ogni ricordo.
C'erano presenze silenziose, e garbate, perché il mio incedere sembrasse solitario e i miei occhi ignorassero il buio.

Oggi, che vorrei dimenticare di avere un passato e avere una seppur minima cognizione dei luoghi che popoleranno il mio futuro, oggi che il mio compito più importante è proteggere le sue spalle e riempire i suoi ricordi, oggi che dubito di tutto tranne di quello che voglio, oggi... vivo nelle parole luminose del presente, e non ho altre certezze. 


800 gr ribes nero
1 mela
350 gr zucchero
2 cucchiai d'acqua
1 baccello di vaniglia
il succo di mezzo limone

Lavare i ribes e asciugarli bene. Versarli in una pentola a fondo spesso, aggiungere l'acqua e fare scaldare dolcemente finché le bacche si saranno aperte. Mettere i ribes in uno strofinaccio di mussola e strizzarlo bene. Versare il succo così ottenuto in pentola insieme alla vaniglia, lo zucchero, il limone, la mela e fare cuocere a fiamma vivace per una ventina di minuti. Versare la marmellata bollente nei barattoli sterilizzati e ancora caldi. Capovolgere e fare freddare al buio.

Accompagnare con una buona dose di parole luminose, ché la settimana è lunga da fare passare.

2 commenti:

Stefania Orlando ha detto...

Ed è una gran ricchezza riuscire a farlo, Alessandra, così come poter vedere tutte le infinite sfumature dei colori della vita :-)

Alessandra ha detto...

Le mie amiche... di che colore sarebbe la mia vita senza di loro?