lunedì 18 giugno 2012

Crostata di albicocche

Il sole che picchia allo zenit non è mai gratis, da queste parti.

Mi spezza il fiato sul più bello, mentre corro.
Mi riempie il viso di lentiggini, e lo sguardo di imbarazzo.
Mi ricorda il sangue normanno e la pelle più che delicata.

Ma mi fa anche pensare al personalissimo modo che ho di propiziare un cielo blu, e mi mette incredibilmente di buon umore.
Perché l'amore è una cosa seria, che richiede un allenamento costante.
E io, sul più bello, non ho nessuna intenzione di lasciarmi spezzare il fiato.



300 gr pasta frolla
600 gr albicocche biologiche
4 cucchiai brandy
6 amaretti
2 cucchiai mandorle in scaglie

Lavare e scolare le albicocche, tagliarle a metà, metterle in una padella con lo zucchero e il brandy e farle cuocere qualche minuto finché saranno morbide, ma ancora integre.
Rivestire con la frolla uno stampo da crostata, bucarne il fondo con i rebbi di una forchetta e coprirlo con uno strato di amaretti sbriciolati. Adagiare sopra le
albicocche scolate, cospargere con le mandorle in scaglie e gli amaretti restanti.
Infornare a 180° per 30 minuti.

Mangiare con un pizzico di superstizione.

1 commento:

Anonimo ha detto...

I have been surfing online greater than 3 hours
lately, but I by no means discovered any interesting
article like yours. It's pretty worth sufficient for me.
In my view, if all webmasters and bloggers
made good content material as you probably did,
the web can be a lot more helpful than ever before.

Also visit my webpage ... MLSP